Agli inizi del XX secolo il pattinaggio a rotelle era di gran moda.

Di invenzione relativamente recente, al contrario di quello su ghiaccio che è decisamente antico, il pattino a rotelle aveva visto il suo sviluppo tecnologico nel corso del 1800. Agli inizi del novecento i pattini a rotelle usavano già i cuscinetti a sfera ed esistevano già le prime versioni con le ruote in linea.
Nel 1902 venne aperta a Chicago la prima pista pubblica di pattinaggio a rotelle: fu un successo immediato e nel 1908 anche il Madison Square Garden a New York si trasformò in una pista di pattinaggio.

Negli anni successivi la febbre del pattino a rotelle invadeva l’Europa.
Questa moda viveva la sua ascesa proprio nel periodo in cui il tango destava curiosità nel mondo: niente di strano, quindi, che qualcuno avesse l’idea di prendere due piccioni con una fava.

Nel manuale “The tango and how to dance it”, pubblicato nell’inverno del 1913, l’autrice Gladys Beattie Crozier parla della moda del tango sotto tutti gli aspetti, dalle sue origini ad una descrizione tecnica del modo in cui viene ballato in Europa, ma anche consigli sui luoghi dove ballarlo, sulle musiche, sull’abbigliamento, su come organizzare una serata danzante.

Tra gli argomenti del manuale c’è anche.. come ballare il tango sui pattini a rotelle!

cornice

CAPITOLO IX
BALLARE IL TANGO SUI PATTINI A ROTELLE

Ballare il tango sui pattini a rotelle è una delle principali attrazioni alla pista Queen’s Rink, appena aperta nel quartiere di Earl’s Court e trasformata per una felice ispirazione in un’area di divertimento invernale dove si può pattinare tutti i giorni, pomeriggio e sera. Il famoso Sunday Skating Club, di cui è presidente Lord Crichton, ora vi svolge i suoi meeting settimanali alla domenica pomeriggio.

hammersmithpalais_dancefloor_ca1919Sono già state tenute alcune magnifiche dimostrazioni di tango-pattinaggio.
Al “tè pattinante” di beneficenza tenuto l’altro giorno, Mr. Percy A. Brown – l’esperto e medaglia d’oro di pattinaggio che è uno dei principali insegnanti al Queen’s Rink – con la sua meravigliosa allieva Mrs. Bramley-Moore, hanno eseguito una performance che è stata una vera rivelazione delle possibilità del tango sui pattini.
La dimostrazione ha reso molto bene il senso della parafrasi poetica: “Dove la danza finisce, inizia il pattinaggio” ed ha aperto nuovi orizzonti agli occhi affascinati degli entusiastici ballerini di tango.

Dopo aver iniziato con un valzer, al repentino cambio di musica in un’aria di ragtime 2×4 “You made me love you!”  la coppia ha mostrato la più meravigliosa serie di figure mai vista sui pattini a rotelle. Hanno eseguito la Promenade, El Corte, il Tuffo, l’Otto incrociato, le Forbici e persino la Media Luna, ballando a volte faccia a faccia, a volte fianco a fianco con il cavaliere un poco dietro la dama, mostrando tutta la varietà dei più conosciuti e più bei passi di tango adattati all’esecuzione sui pattini a rotelle, uno dopo l’altro, tra gli scroscianti applausi del pubblico estasiato.

Miss Clayton and her dancing partner dance the tango on rollerskates at the new Queen's Rink, Earls Court, LondonIl ritmo del tango ballato sui pattini è meraviglioso. Una volta superate le difficoltà iniziali, il suo fascino per il pattinatore non ha limiti; sembra che durante il prossimo inverno il successo di quest’idea coinvolgerà tutti, nelle varie piste di pattinaggio sia a Londra che nelle altre province.
Naturalmente c’è bisogno di un po’ di pratica per ballare alla perfezione il tango sui pattini a rotelle: occorre eseguire ogni figura molte volte prima di riuscire a collegarla agevolmente con la figura successiva. Ma Mr.Brown, che è impegnato proprio ora nell’adattare all’esecuzione sui pattini quante più figure di tango sia possibile, incoraggia tutti i normali pattinatori a dedicarsi al “tango sulle ruote”.
Se il pattinatore o la pattinatrice è capace di procedere in avanti ed indietro ed ha un perfetto controllo sul freno, non c’è nessun motivo per cui non dovrebbe iniziare a praticare il tango sui pattini.
Mr. Brown è così entusiasta di questa novità che, sebbene una sua normale lezione di pattinaggio costi 6 sterline, sarà felice di far praticare gratis il tango sui pattini a chiunque, nei suoi momenti liberi.

Per iniziare a praticare il tango sulle ruote, comunque, non è assolutamente necessario frequentare una pista. Si possono eseguire efficacemente le prime prove a casa facendo piccoli passi veloci sui pattini, di fianco, avanti e indietro, su qualunque superficie di piastrelle lisce o linoleum, la più scivolosa possibile. Bisogna far pratica nel sollevare i piedi velocemente in qualunque posizione, incrociandoli rapidamente ed eseguendo frenate repentine. Quando si è sviluppata un po’ di pratica in questi esercizi, è ora di andare alla pista di pattinaggio per praticare ulteriormente.

Il tango si balla sempre con un partner, su una musica che può essere qualunque ritmo di one-step o two-step, purchè i ballerini lo interpretino a metà tempo, eseguendo solo un passo di tango ogni due battiti; naturalmente non è possibile ballare il tango su un valzer.
s-l225Deve essere utilizzato un pattino molto leggero. Il Dexter va particolarmente bene, perché è leggero e comodo, e soprattutto perché ha ruote di legno di bosso. Questo è assolutamente necessario visto che le ruote di alluminio sono troppo pesanti per poterci ballare. Il tanghista deve essere così veloce nel sollevare il piede che la minima resistenza può essere fatale al suo successo.

Un po’ di conoscenza del ballo sarà sicuramente di vantaggio al pattinatore che intende cimentarsi con il tango su rotelle; e nell’area divertimenti invernale di Earl’s Court centinaia di persone si ritrovano ogni sera per ballare e praticare il tango e gli altri balli sull’eccellente pista da ballo del sontuoso Palais de Danse, con le sue pareti dipinte dell’allegro Rose du Barry ed i suoi divani foderati di nero, sulle musiche eseguite dalla Quadrille Band nella loro divisa rossa.
In queste serate, di tanto in tanto, si esibisce nel tango un’abile e professionale coppia di ragazze, mentre le sere del mercoledì e del sabato il Signor Marquis e Miss Clayton danno dimostrazioni di tango a beneficio degli avventori.

Miss Clayton and Marquis demonstration tango on roller skates at the new Queen's Rink, Earl's Court, London, November 01, 1913

La pista del Queen’s Rink ed il Palais de Danse sono situati fianco a fianco, e con un biglietto di uno scellino si ha l’accesso ad entrambi. In questo modo, dopo aver visto un professionista dimostrare i passi e le figure del tango, si possono prima praticare un poco sulla pista da ballo, e poi spostarsi alla pista da pattinaggio dove, pagando un altro scellino, si può noleggiare un paio di pattini ed attendere che venga suonato un brano di two-step per praticare il tango sui pattini.

Per ballare il tango sui pattini è consigliato che la donna vesta una gonna abbastanza corta, che sia sollevata da terra per almeno un piede, altrimenti sarà probabile che le ruote si incastrino nel bordo durante i frequenti “tuffi” caratteristici di molte figure del tango pattinato.
Una Russian Blouse di velluto nero con collo di pelliccia, o una tunica corta con bordo di pelliccia, ed una Gored skirt che consente la totale libertà delle gambe e che raggiunga la cima degli alti stivali di pelle nera, sono soluzioni valide e devono accompagnarsi ad una cintura abbastanza alta, color rosso vino o porpora o blu sbiadito, ed un piccolo cappello di velluto nero con bordi di pelliccia.

cornice

Annunci